8 Marzo: presentate quattro giovani candidate al consiglio comunale

Colazione_Civica_presenta_Quattro_Candidate

8 Marzo: presentate quattro giovani candidate al consiglio comunale

Donne, giovani, attive nella propria comunità e nel lavoro. Aumenta ancora la propria qualità e rappresentatività la squadra elettorale Coalizione Civica, il gruppo che affiancherà il candidato sindaco Fabrizio Aguzzoli nella prossima tornata elettorale dell’8 e 9 giugno.

Le quattro candidate consigliere sono Karin Silvi, Hayasinthika Lalithakumar, Sara Lucano e Giulia Melioli. Sono state presentate ufficialmente nella mattinata di giovedì 7 marzo da Aguzzoli e dall’altro consigliere comunale di Coalizione Civica Dario De Lucia. La data non è scelta a caso, l’impegno di Karin, Hayasinthika, Sara e Giulia è stato formalizzato a ridosso della Festa della Donna, a confermare l’importanza della componente femminile per Coalizione Civica. Un’attenzione non scontata né così diffusa, a livello politico nazionale e locale, al di là delle quote rosa di mera rappresentanza da rispettare.

“Karin, Hayasinthika, Sara e Giulia sono donne competenti, attive nella comunità reggiana, con esperienze umane, professionali e scolastiche di spessore che hanno spesso messo a disposizione del bene comune. E che ora sono pronte a impegnarsi anche in politica. Siamo orgogliosi della loro adesione al nostro progetto, saranno una risorsa preziosa e potranno offrire ulteriori prospettive e stimoli al nostro programma e al nostro lavoro”, commenta Aguzzoli. Ecco i profili delle quattro nuove candidate.

GUARDA LA DIRETTA ALLA PRESENTAZIONE DELLE QUATTRO CANDIDATE AL CONSIGLIO COMUNALE

KARIN SILVI

Karin Silvi, 29enne, impegnata in un backoffice bancario e laureata in astronomia. “Una disciplina meravigliosa che come da me è stata studiata e divulgata da Margherita Hack. Una donna forte e generosa a cui faccio riferimento anche per la sua visione politica e sociale. Come lei decise di candidarsi alle comunali come consigliere nel 94’ in opposizione alla destra e a Berlusconi ho sentito di dover seguire come un sentiero la sua idea di impegno politico come dovere civico e morale”, spiega parlando del suo grande modello. “Ho deciso di impegnarmi perché credo che il Comune di Reggio debba tornare a dare spazio ai diritti civili e sociali, tornare ad essere tra le persone. E voglio come lei dare la possibilità di avere uno sguardo scientifico e umano nella politica comunale e fornire gli strumenti alle persone per renderle di nuovo partecipi. La Hack sosteneva che cittadini avessero il bastone da poter usare per farsi sentire, la scheda elettorale, ed è da usare adesso come mai prima”, conclude Karin.


HAYASINTHIKA LALITHAKUMAR

35 anni, originaria dello Sri Lanka, Hayasinthika vive a Reggio sin da bimba e qui ha frequentato tutte le scuole. Ha studiato medicina rigenerativa e riparativa e conseguito un master nella diagnosi dei tumori del collo dell’utero. Dopo cinque anni di impiego all’Istituto di Medicina Legale di Unimore, ora è in servizio nel laboratorio di Microbiologia dell’Arcispedale Santa Maria Nuova. Sposata, appassionata di pittura, ha scritto “Diverso è bello!”, romanzo avviato nell’adolescenza che entra nel mondo dei giovani italiani di seconda generazione.

Una persona dinamica che ha deciso di impegnarsi per quella che è la sua casa: “Questa città ha dato tantissimo a me e alla mia famiglia. Mi hanno dato tantissimo le mie maestre delle elementari, perché grazie alle basi che mi hanno dato loro che sono riuscita a fare tutto ciò che ho fatto fino ad ora. Mi sono sempre occupata di lavori nel sociale, dando una mano ai ragazzi con difficoltà scolastiche o aiutando le famiglie con problemi, indistintamente dal colore della pelle, culto o altro”, spiega. “Vorrei affrontare molti temi, la mia priorità è la carenza del personale nell’ambito sanitario, perché è una questione che conosco bene, quotidianamente vedo quali problemi può provocare: professionisti specializzati che vengono assunti con dei contratti indecorosi e dei compensi davvero ridicoli, che sono costretti a lavorare per tenersi il proprio posto di lavoro, perché se vanno via loro, ci sarà sempre qualcun altro a sostituirli”. Un altro tema importante è quello “della sicurezza stradale”.

SARA LUCANO

Sara Lucano, 30 anni, è insegnante di scuola primaria con un’esperienza decennale sul sostegno alle fragilità. Un ambito, quello dell’inclusività, di cui si occupa anche fuori dalla scuola, collaborando con ZeroFavole Teatro, storica associazione reggiana che si dedica alla promozione di cultura inclusiva attraverso laboratori e spettacoli teatrali.

“Reggio Emilia è la città nella quale sono nata e cresciuta, poter concretizzare il mio sostegno verso un buon candidato come Fabrizio Aguzzoli è già un grande traguardo. L’amore per questa città mi porta a volerne fare uscire le sue potenzialità, iniziando dai temi che più mi stanno a cuore: educazione e sicurezza, un binomio importantissimo che necessita di essere curato con costanza attraverso il favorire dell’azione delle associazioni che sul territorio si spendono direttamente offrendo corsi di italiano, dopo scuola, accoglienza, laboratori, e tanto altro con grande senso civico”, racconta Sara.

Ma non solo: “non dobbiamo dimenticarci delle nostre scuole, che rappresentano una componente importante delle vite dei nostri giovanissimi e della nostra futura classe dirigente, quella che avrà il compito di plasmare questo ad oggi incerto futuro. Sono convinta con gli strumenti giusti a disposizione la comunità non potrà che crescere”.

Leggi anche su: https://coalizionecivica.re/2024/03/08/8-marzo-candidate-consiglio-comunale/


GIULIA MELIOLI

37enne reggiana, titolare di uno studio olistico, da sempre impegnata “per gli altri”, nel volontariato, nei progetti scolastici, nella comunità religiosa e negli eventi di paese e dei centri sociali del territorio. Ha lavorato 10 anni in campo educativo e sociale come animatrice, educatrice e ” collaboratrice creativa-musicale”, con bambini e ragazzi così come anziani, prima di cambiare ambito. Il punto comune tra le varie esperienze è il concetto di benessere delle persone, la concezione di comunità, il sentirsi parte di qualcosa, l’ascolto, la comprensione, il poter fare qualcosa di utile per il prossimo, prima in ambito sociale/culturale e poi in ambito della medicina naturale alternativa. Dedica le sue energie allo studio della musica, dell’arte, della spiritualità (frequenta una chiesa cristiana pentecostale), ed è conduttrice radiofonica in una web TV radio della provincia.

Vuole impegnarsi per le frazioni, il mondo che ha sempre conosciuto: “”Vissuta tra San Maurizio, Masone e Sesso, ho potuto “toccare con mano” diverse situazioni e problemi relativi alla città, ma soprattutto alle piccole frazioni, molto trascurate e oserei dire, quasi abbandonate a loro stesse. Inoltre i mezzi di trasporto molto scarsi portano le persone ad usare spesso la macchina, che, oltre a creare e subire traffico e inquinamento, pagano il disagio delle numerosissime buche, o per meglio dire, voragini che si sono create nelle varie strade secondarie, e non solo”, spiega. “Non tutti possono permettersi di usare le macchine: gli anziani come i giovani hanno difficoltà”. Allo stesso tempo, viene data “poca importanza alla sicurezza delle strade. Pochissime regole e gestione disastrosa della viabilità in gran parte della città”. Infine, lo scarso sostegno all’impresa femminile: scarsi aiuti e incentivi, costi altissimi, attività non riconosciute e, peggio di tutto, la sensazione di essere invisibili, privi di aiuto quando ne servirebbe”.

Questo si chiuderà in 0 secondi

× Scrivimi!