RIPRENDIAMOCI IL CENTRO STORICO

RIPRENDIAMOCI IL CENTRO STORICO

I principali problemi del centro storico possono essere superati con un intervento pubblico forte. Serve dialogo con il territorio e un piano di lungo periodo. 

Il Sindaco potrebbe fare molto, anche senza l’intervento del Consiglio Comunale


Il 6% del bilancio di spesa corrente del Comune, pari a circa 9 milioni di euro l’anno, è rimesso alla discrezionalità della Giunta, con a capo il Sindaco.
Con una somma di questo genere, soprattutto se investita con lungimiranza, può essere fatto molto.

Le proposte di Coalizione Civica
1. Lotta all’abbandono commerciale e sostegno ai giovani lavoratori

Come avvenuto in passato per altre aree della città, occorrono grandi investimenti e incentivi destinati al recupero di spazi commerciali, acquisendo immobili sfitti e mettendoli a bando per botteghe e uffici di giovani professionisti. Questo a partire dalle zone del centro storico più in sofferenza.   

 2. Ripristino dei mercoledì rosa

Cancellare i mercoledì rosa, 8 appuntamenti estivi che attiravano decine di migliaia di persone, è stata una sciocchezza fatta a vantaggio del boulevard del Campovolo.
Sia chiaro: la sua strutturazione andava riformata ma non certo stravolta! Non dobbiamo avere timore di organizzare eventi a trazione popolare: i commercianti avrebbero maggiori opportunità di fare cassetto e la gente avrebbe la possibilità di divertirsi. 

3. Accesso a centro storico: si può fare di meglio

PD e alleati hanno deliberato di convertire a pagamento diversi parcheggi scambiatori vicini al centro storico, a partire da quello di Via Cecati. Se però vogliamo disincentivare l’uso dell’auto, occorre rafforzare il servizio pubblico e di mobilità, non danneggiare chi vuole venire in centro storico!

4. ZTL – Una questione ancora irrisolta

Come tutti sappiamo, quando è stata decisa l’estensione della zona ZTL o dei lavori sulle piazze, i commercianti non sono mai stati consultati e hanno appreso la notizia a cantieri aperti. Noi vogliamo ricominciare a convocare questo importante momento di confronto, perché il dialogo non ci spaventa. 

Questo si chiuderà in 0 secondi

× Scrivimi!